FAQ

FAQ - Tutto quello che vorresti sapere

Assolutamente si poiché li abbiamo resi funzionanti sempre e da subito per contrastare quelli che possono essere i limiti di emissione massima presenti ad esempio in Francia, che sono i più alti tra i paesi dell’Unione Europea, e questo perché se un utilizzatore dei nostri dispositivi vivesse in quel paese potrebbe così mantenere comunque un buon equilibrio energetico.

A riprova facciamo presente che, già prima dell’avvento di nuove fonti emettenti elettrosmog, simuliamo nei nostri laboratori quelle specifiche frequenze di disturbo creando poi le eguali ma di polarità opposta in modo che attraendosi l’un con l’ altra tendano ad annullarsi a vicenda

Logicamente i nostri prodotti vengono stoccati a magazzino all’interno di contenitori su cui è stampigliato il numero del lotto e relativa data di produzione, e questo ci permette di essere certi di immettere sul mercato dispositivi con periodo di funzionamento garantito pari a quello che indichiamo.

Al limite siamo sempre in grado di controllare in qualsiasi momento il periodo di funzionamento di qualunque nostro prodotto, grazie ad un analizzatore elettronico da noi messo a punto.

Il nostro passato operativo più che trentennale presso la Olivetti S.p.a. di Ivrea, dimostrabile attraverso documentazione a tale riguardo in nostro possesso, nel settore elettronico di ricerca, progettazione, produzione e acquisto dei relativi componenti.

Assolutamente no poiché ogni dispositivo svolge autonomamente il proprio compito e non cessa in alcun modo la loro singola funzionalità anche se vengono a contatto l’uno con l’altro

Tutti i nostri dispositivi funzionano ovunque vengano ad essere posizionati e l’unico modo per renderli non attivi, visto che funzionano sulla base della tecnologia RFID passiva come qui spiegato https://www.geolam.info/wp-content/uploads/2024/02/COME-FUNZIONANO-I-BIOMAGNETI-AL-SILICIO-bettini-2024.pdf , è quello di avvolgerli accuratamente con carta alluminio o di tenerli ben chiusi all’interno di uno scatolino composto da tale metallo in modo tale che non possano passare oltre tale barriera le radiofrequenze che attivano i relativi circuiti e, nella pagina descrittiva di questo nostro device, spieghiamo il perché https://www.geolam.info/prodotto/ante-somnum-dispositivo-ad-uso-multiplo-per-il-rilassamento-pre-sonno/

Assolutamente no

Agiscono allo stesso modo ma l’unica differenza che li contraddistingue è quella che tutto ciò che entra nel settore di influenza del PURITY e poi ne fuoriesce definitivamente, senza più rientrarci, conserva comunque per alcuni giorni i benefici acquisiti che è cosa che non accade con il COMBIPLUS e il tutto è spiegato qui sul fondo all’ultimo paragrafo https://drive.google.com/file/d/1P0yFqB1JS141Ty8Y14in8-GUc29ye_Yp/view

TRANSMISSION contrasta l’elettrosmog, sia di origine artificiale che naturale, come qui all’inizio spiegato https://www.geolam.info/prodotto/transmission-braccialetto-per-uso-personale-modello-twist/ mentre invece il TOTUS oltre che a svolgere le stesse identiche funzioni del TRANSMISSION spiegate così https://www.geolam.info/prodotto/totus-braccialetto-per-il-mantenimento-dellequilibrio-energetico-personale/   rilascia ulteriori e importanti frequenze che lo rendono maggiormente incisivo e questa una costatazione in tal senso https://www.geolam.info/download/test-e-testimonianze/Totus/TOTUS-12-Parere%20su%20TOTUS%20e%20TRANSMISSION%20da%20parte%20di%20una%20naturopata%20e%20operatrice%20fitness%20professionista.pdf  

 

L’ALLSANS è come si può facilmente comprendere un migliorativo di quelli sopra citati https://www.geolam.info/prodotto/allsans-braccialetto-o-ciondolo-per-il-mantenimento-dellequilibrio-energetico-personale-con-funzionamento-di-minimo-anni-10-garantiti/ e questa una risultanza a tale riguardo https://www.geolam.info/download/test-e-testimonianze/Allsans/ALLSANS-04-disanto-coach-declaration-test-allsans-28-03-2024.pdf

Nel caso di quelli per le bonifiche ambientali COMBIPLUS e PURITY molti di coloro che li hanno testati hanno constatato che ciò è nel loro caso avvenuto come qui dettagliatamente spiegato https://drive.google.com/file/d/1P0yFqB1JS141Ty8Y14in8-GUc29ye_Yp/view  e questo vale anche per quelli singoli ad uso domestico ICE,FLUIDUS e MICRON, e per mezzi di locomozione TRAVEL, come testimoniato da molti utenti le cui considerazioni sono presenti nel rispettivo settore intitolato Pareri e Testimonianze presente in ogni singola pagina descrittiva relativa a tutti i dispositivi

Logicamente sì poiché, così come accade per le rete wi-fi e per i segnali della telefonia mobile provenienti dall’esterno, anche le frequenze emesse dai nostri dispositivi passano attraverso i muri in tutte le direzioni

Dal momento che i nostri dispositivi eliminano in automatico le frequenze di disturbo presenti nell’ambiente, emettendo le stesse frequenze ma di polarità opposta ragion per cui si attraggono e si eliminano a vicenda in maniera costante, va da se che non è possibile rilevarle con tali strumenti  

Oltretutto, visto che emettono delle micro-frequenze, si potrebbe comprendere che così è procedendo ad esempio ad eseguire dei test con la metodica dell’elettroagopuntura secondo Voll detta EAV,che si basa proprio sulle micro-correnti che attraversano il nostro corpo e che vengono misurate sulla cute a livello dei meridiani di agopuntura.

Tutti i nostri dispositivi possono essere spostati a piacimento dove meglio pare senza che ne risenta in alcun modo la loro funzionalità

I dispositivi si utilizzano e si posizionano senza doversi curare in alcun modo di quanto su di essi inciso o simboleggiato, e si possono per questo motivo liberamente adoperare certi che svolgeranno comunque e totalmente la loro funzione

Tutti i nostri dispositivi possono essere smaltiti come normali rifiuti urbani